Stampa

Est Ovest

Antheia e Artisti riuniti
presentano

Est Ovest

testo e regia
Cristina Comencini

con

Rossella Falk
Luciano Virgilio
C
laudio Bigagli
Daniela Piperno

e con
Viola Graziosi
Merita Xhani
Elisabetta Arosio
Roberto Infascelli
Alessandro Sperduti

scene Paola Comencini
costumi Antonella Berardi
 ideazione luciSergio Rossi

 

Dopo la fortunata esperienza di “Due partite” di Cristina Comencini – lo spettacolo che, con la produzione di Artisti Riuniti, ha debuttato nel 2006 al Teatro Valle di Roma (con Buy, Ferrari, Massironi, Milillo), poi ripreso nello stesso anno, con lo stesso cast, a Roma e Milano da Noctivagus che ne ha prodotto  successivamente l’edizione  con Chiara Noschese, Sara Bertelà, Stefania Felicioli, Susanna Marcomeni ed è divenuto infine un film, per la regia di Enzo Monteleone  -  l’associazione culturale Artisti Riuniti, in coproduzione con Antheia di Robert Schiavoni,  propone il nuovo lavoro teatrale scritto e diretto da Cristina Comencini, “Est Ovest”. 
Est Ovest” come dichiara l’autrice, è stato ideato e “confezionato su misura” proprio per Rossella Falk e via via sono arrivati gli altri personaggi, a lei strettamente legati.
Est Ovest sarà in scena al Teatro Eliseo di Roma dal 13 ottobre al 1° novembre, al Manzoni di Milano dal 3 al 29 novembre e nella seconda metà di dicembre a Verona e Treviso. Nei primi giorni del mese di dicembre lo spettacolo sarà ripreso integralmente grazie all’interessamento e alla collaborazione di  RAICINEMA negli studi di Cinecittà. 

Est Ovest. Due punti cardinali opposti ma non contrapposti, e anzi affacciati l’uno sull’altro, sempre più vicini fra loro, fino a rivelare che possono toccarsi, si sono già toccati.

Sinossi

La famiglia di Letizia - il fratello, i due figli, i nipoti - si riunisce per festeggiare i suoi ottant’anni.
Letizia vive sola con Oxana, la badante ucraina, nella vecchia casa in cui, come dice lei, “…gli oggetti fuggono come avessero paura di morire con me...”  o, come più realisticamente commenta Oxana “…è stato requisito tutto dai figli, come da noi ai tempi della guerra civile...”.    
Sulla festa incombe l’assenza di una delle nipoti, un segreto che nessuno della famiglia ha avuto il coraggio di dire alla nonna. Si litiga, si scherza, si mente per non rivelare la verità, che verrà fuori poco a poco, la verità di tutti. Le due donne, l’anziana signora e la sua badante, restano alla fine sole nella vecchia casa, unite da un’esperienza che ora appare comune: la straniera ha dovuto lasciare le sue figlie per guadagnare denaro, lo stesso denaro che all'ovest ha dissestato la famiglia di Letizia ed è forse all'origine del mistero della scomparsa della nipote.
Un mondo in cui est e ovest si rispecchiano e si affrontano, cercando un senso che sembra sfuggire a tutti.                    

Cristina Comencini

Note di regia

Ho incontrato Rossella Falk nei camerini del teatro Valle, dopo una rappresentazione del mio spettacolo “Due Partite”. Veniva a fare i complimenti alle attrici e a me, con la generosità delle grandi donne. L'avevo vista molte altre volte sul palcoscenico e in film culto della mia adolescenza.

Ho pensato di scrivere una commedia per lei, per la sua intelligenza e sensibilità: una donna al centro di una famiglia di oggi, di questa nostra epoca difficile, che come scrittori vogliamo  raccontare, perché è la nostra, e perché la nuova generazione ci guarda in attesa.

Intorno al personaggio della Falk (Letizia), ho messo insieme un cast di attori eccellenti: Luciano Virgilio è il fratello, Daniela Piperno e Claudio Bigagli i figli, Elisabetta Arosio la seconda nuora, Merita Xhani la badante, Viola Graziosi, Roberto Infascelli e Alessandro Sperduti i suoi tre nipoti.

Il lavoro più grande qui, ancora più che in Due partite, è tenere il registro della tragicommedia, così tipico di ogni famiglia, che fa sempre teatro di sé, che nasconde la tragedia dietro la battuta, la risata, il lessico familiare, il gioco dei ruoli. Fino alla fine, finché l’assenza e il dolore si rivelano e mettono a tacere la commedia.

Tutto questo è "Est Ovest", parte dal personaggio di Letizia e si allarga a tutti noi, ai nostri legami e affetti in un mondo in grande cambiamento.                       

Cristina Comencini