Stampa

Il sistema di Ponzi

di David Lescot
traduzione Gioia Costa
a cura di Piero Maccarinelli
con (in ordine alfabetico)Anita Bartolucci, Francesco Bonomo, Giuseppe Cederna, Viola Graziosi, Paola Minaccioni, Emanuele Salce, Luciano Virgilio

Charles Ponzi era un italiano immigrato negli Stati Uniti all'inizio del XX secolo che, dopo 15 anni di avventure inimmaginabili, creò a Boston una truffa finanziaria, garantendo il 50% d'interessi in 45 giorni, cosa che lo rese miliardario per un anno. Ma, per il suo tramite è il nuovo secolo che si racconta, da un punto di vista che non è quello delle utopie, né quello dei regimi politici, e nemmeno quello delle guerre, ma quello del denaro. Ponzi non crede in nulla, se non nel fatto di essere destinato a far soldi, cosa d'altronde vera. Confesso che i truffatori mi piacciono molto. Attraverso di loro, il sistema appare più distinto. Lo si può migliorare. Benché io mi preoccupi poco di migliorare il sistema capitalista. Ma i truffatori, gli usurpatori, gli affabulatori, i ciarlatani hanno successo in teatro. Condanniamoli (nella vita), ma rendiamo loro grazia (in scena) di saper bloccare il meccanismo, di introdurre una breccia poetica nel reale. E ricordiamo che il sistema di Ponzi, dopotutto, è il nostro".

(David Lescot)

Emanuele-Salce.JPGGiuseppe-Cederna.JPGLocandina.JPGPaola-Minaccioni-e-Giuseppe-Cederna.JPG