Stampa

2014/2015 scritture del presente

UNA PERLUSTRAZIONE NELLA DRAMMATURGIA CONTEMPORANEA

LETTURE SCENICHE
a cura di Piero Maccarinelli
in collaborazione con Artisti Riuniti

Teatro Argentina
12 e 26 gennaio, 9 e 23 febbraio .15
lunedì | ore 21.00 | ingresso libero

lunedì 12 gennaio

L'ESPOSIZIONE UNIVERSALE

di Luigi Squarzina
con Luciano Virgilio, Stefano Santospago, Antonietta Bello, Sara Pallini, Alice Spisa

e con i giovani attori dell'Accademia d'Arte Drammatica Silvio D'Amico e del Centro Sperimentale di Cinematografia
Roberto Caccioppoli, Maria Teresa Campus, Barbara Chichiarelli, Paride Cicirello, Giulio Maria Corso, Vincenzo D'Amato,
Gregorio De Paola, Carmine Fabbricatore, Michele Lisi, Pietro Masotti, Alessandro Meringolo, Stefano Scialanga, Nicola Sorrenti, Jacopo Uccella

L'esposizione universale di Luigi Squarzina, scritto nel 1948 e ancora inedita per le scene italiane, racconta l'epopea di un gruppo di sfollati. Nel 1942 vengono interrotti i lavori per la costruzione dell'Esposizione Universale di Roma, più nota come EUR 42, nata per celebrare i fasti del ventennio e celebrare il ventennale della Marcia su Roma. Gli spazi abbandonati vengono occupati nel dopoguerra dagli sfollati, diventando aree appetibili per la ricostruzione e per le speculazioni di affaristi senza scrupoli. Luigi Squarzina, fra neorealismo e teatro politico di ispirazione brechtiana, ci accompagna in questo percorso: da un lato storie familiari e storie individuali, dall'altro conflitti ideologici, degrado sociale, mentre sullo sfondo si staglia un pezzo di Storia del nostro Paese.
La lettura scenica coinvolge i giovani dell'Accademia d'Arte Drammatica Silvio D'Amico e del Centro Sperimentale di Cinematografia per i quali il Teatro di Roma ha attivato un Corso di perfezionamento affidato a Piero Maccarinelli, in vista dello spettacolo che sarà presentato al Teatro India dal 9 al 14 giugno 2015.

Evento Speciale | lunedì 12 gennaio

UNA GIORNATA PER LUIGI SQUARZINA

La lettura scenica di L'Esposizione Universale  sarà preceduta alle ore 18.00 in Sala Squarzina dalla presentazione del volume
LUIGI SQUARZINA, STUDIOSO, DRAMMATURGO E REGISTA TEATRALE
Convegno Internazionale di Studi, Venezia, Fondazione Cini, Ottobre 2012 Atti dei Convegni Lincei n. 277, editore Scienze e Lettere 
Intervengono Edo Bellingeri, Paolo Puppa e la curatrice Maria Ida Biggi, direttore del Centro Studi Teatro della Fondazione Giorgio Cini

lunedì 26 gennaio

L'ONDA DI MAOMETTO

di Alberto La Volpe, Stefania Porrino e Livio Zanotti
con Maurizio Donadoni, Claudia Coli, Riccardo Sinibaldi, Laurence Mazzoni e Silvana Mazzocchi, Maurizio Mannoni, Giancarlo Bosetti

Una "digressione internazionale", una riflessione sull'informazione occidentale e il mondo islamico, prima degli ultimi tragici eventi che hanno riguardato l'uccisione di giornalisti internazionali da parte dell'Isis.
I tre autori si interrogano e ci interrogano sul ruolo dell'informazione occidentale in rapporto a fedi monoteistiche che impediscono qualsiasi forma di satira o dissenso. Al centro della vicenda il sequestro di una reporter che realizza un servizio non gradito in zone ad alta tensione a Islamabad. Il testo ha ricevuto il Premio Fersen.

lunedì 9 febbraio

UNA PALLIDA FELICITÀ

di Melania Mazzucco e Luigi Guarnieri
con Giulio Scarpati, Galatea Ranzi, Valentina Sperlì, Laurence Mazzoni, Riccardo Sinibaldi

Il testo di Melania Mazzucco e Luigi Guarnieri è un'ammirevole indagine sul mondo poetico di Giovanni Pascoli e della sua famiglia, Maria e Ida Pascoli, le due sorelle che tanta parte hanno avuto nello sviluppo della poetica pascoliana e dei legami fra verità e bugie, sentimenti profondi e meschinità contingenti, fra detto e indicibile, fra la portanza della parola e la sua miseria, nel trionfo del sottinteso.

lunedì 23 febbraio

IL DRAGO DI CARTA

di Sergio Pierattini
con Michele Placido, Gigi Angelillo, Francesco Bonomo
Premio Vallecorsi 2014

Siamo negli anni Ottanta. A New York va in scena l'ultimo incontro fra Michele Sindona ed Enrico Cuccia alla presenza di un giovane avvocato di Sindona. Il testo è una spietata analisi dei rapporti fra politica e interessi economici.