Stampa

Gli occhiali d'oro

melologo di Tullio Kezich
da Giorgio Bassani
regia Piero Maccarinelli
con Massimo De Francovich
musiche Alberto Caruso
eseguite al piano dall’autore

 

Gli occhiali d’oro di Giorgio Bassani è un piccolo capolavoro della letteratura italiana del ‘900, pari a “Il giardino dei Finzi Contini”. Bassani, attraverso il protagonista del racconto, un medico otorinolaringoiatra, racconta la realtà ferrarese degli anni fra il 30 e il 40, non risparmiando alcuna critica alla società ipocrita di quegli anni, attenta a far prosperare i propri interessi
mentre lo spettro del nazismo e delle leggi razziali tormentavano le famiglie ebree di Ferrara. Tullio Kezich, noto drammaturgo e critico cinematografico, pur mantenendo la matrice linguistica e letteraria del testo, lo ha ridotto in forma di
melologo musicato da Alberto Caruso, per la regia di Piero Maccarinelli. Un progetto sulla memoria e sul trasformismo di questo nostro paese che tanto amiamo ma che conosciamo così poco. Ancora una volta lo sguardo lucido e implacabile di Bassani sulla diversità, sulle convenienze della borghesia che ha fallito non riuscendo a rappresentare la borghesia del nostro paese.